Quale accoglienza per i minori stranieri non accompagnati?


Normal
0

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

Tavola rotonda

 

Giovedì 29 maggio 2014 ore 16

C/O Sala Alan Lomax, Via Fornai 44 Catania

 

 

L’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati in arrivo via mare in Sicilia sta assumendo caratteristiche molto preoccupanti. Se da una parte le operazioni di ricerca e soccorso realizzate nell’ambito della missione Mare Nostrum stanno di fatto garantendo l’approdo sicuro a molti migranti in arrivo dal Canale di Sicilia, dall’altra si sta procedendo senza un piano d’accoglienza adeguato che veda coinvolti i diversi livelli istituzionali coinvolti, le realtà di terzo settore e della società civile.

Il territorio siciliano è da anni ormai un protagonista passivo del fenomeno. Centri di prima accoglienza aperti senza adeguata definizione giuridica rispetto alla individuazione di ruoli e responsabilità, senza figure professionali adeguate nella mediazione culturale, linguistica, legale, senza un’assistenza sanitaria realmente presente. Alcuni di questi centri “ospitano” fino a 250 minori stranieri non accompagnati da genitori o parenti affidatari, in soluzione di assoluto abbandono e indigenza.

Queste “cattive prassi” devono assolutamente essere poste a termine. Non si può più tollerare un simile stato di cose.

A fronte di un quadro così preoccupante diversi esponenti istituzionali, del terzo settore e della società civile si incontreranno a Catania giovedì 29 maggio ore 16.00 presso la sala Alan Lomax, in Via Fornai 44, per discutere la fattibilità delle diverse proposte tecniche elaborate a diversi livelli e delle possibilità di coinvolgimento del catanese verso un modello di prima accoglienza più adeguato, rispettoso del superiore interesse del fanciullo e teso al rispetto dei suoi diritti soggettivi.

 

 

ARCI Catania

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *