Dal 21 marzo la videoguida AsylEasy è online!


COMUNICATO STAMPA

Il 21 marzo, in occasione della Giornata mondiale contro il razzismo, Arci Catania ha lanciato “AsylEasy”, la prima videoguida multilingue in Italia che spiega, attraverso 9 video composti da immagini e un linguaggio semplice, l’intera procedura per il riconoscimento della protezione internazionale in Italia.

La versione italiana della videoguida è già disponibile sul sito: www.asyleasy.com

Durante la conferenza stampa di presentazione, Dario Pruiti, presidente di Arci Catania, ha illustrato i motivi che hanno portato alla nascita di questo progetto: Da molti anni ormai l’Arci Catania pratica multicultura e integrazione, e lo fa perché pensa che l’aggregazione sia indispensabile per promuovere i diritti e contrastare il razzismo. Il diritto d’asilo rappresenta il progresso umano verso l’accoglienza dei popoli, ma ad oggi è subordinato ad un regolamento di “emergenza”, deciso da burocrati che creano e utilizzano criteri assolutamente arbitrari. Quello che presentiamo oggi è uno strumento che permette di raccontare come dovrebbe funzionare quel diritto. Lo abbiamo creato cercando di rendere popolare e comprensibile un sapere, perché siamo convinti che solo un sapere popolare può essere strumento per costruire la trama di un mondo più giusto, più equo e sostenibile.”

AsylEasy nasce all’interno di un altro progetto europeo, quello portato avanti da Plattform Rechtsberatung, un’associazione austriaca che lavora nel campo delle politiche giovanili e vuole accrescere la conoscenza dei giovani sul tema dell’asilo e delle migrazioni tramite campagne di informazione.

Lisa Macheiner, rappresentante dell’associazione, racconta il percorso che ha portato dall’Austria all’Italia: “Nel 2013 abbiamo realizzato con Plattform Rechtsberatung la prima videoguida, che nei primi due mesi dalla sua creazione è stata visualizzata da più di 100.000 utenti. Nel maggio del 2014 abbiamo organizzato il training europeo “Videoguide goes Europe”, a cui hanno partecipato 8 associazioni – tra cui Arci Catania –, con l’idea di aumentare la consapevolezza delle minoranze e di favorire l’adempimento dei diritti umani a livello europeo. Oggi, con il lancio di AsylEasy, possiamo dire con grande orgoglio che il nostro progetto è stato finalmente realizzato del tutto.”

La coordinatrice di AsylEasy, Sally Jane Hole, spiega com’è avvenuto il processo di realizzazione della videoguida: “Durante la creazione e in tutte le fasi della realizzazione abbiamo coinvolto molti partecipanti, non solo giovani siciliani ma anche minori stranieri non accompagnati, rifugiati, e stranieri provenienti da varie parti dell’Europa. Era importante fare in modo che l’intero processo promuovesse l’integrazione e la partecipazione attiva. Quello che lanciamo oggi, quindi, è frutto di un intenso lavoro da parte di un team multiculturale. Crediamo sia fondamentale per l’empowerment e l’autodeterminazione dei migranti – anzi, di tutti – potersi orientare ed informare indipendentemente.”

Da oggi la videoguida in italiano è online, e nei prossimi giorni saranno disponibili anche le versioni in inglese, francese, arabo, tigrino e farsi. La videoguida sarà consultabile da qualsiasi luogo attraverso il sito web, YouTube, e in futuro anche attraverso un’apposita applicazione per smartphone.

“Vogliamo diffondere AsylEasy il più possibile, sia sul livello nazionale che su quello internazionale,” continua Hole, “ma il lavoro non è del tutto finito, perché le leggi cambiano, e andranno fatte delle modifiche. Continueremo a lavorare al progetto insieme all’Arci Nazionale perché pensiamo che in Italia ci sia bisogno di questo strumento, anche alla luce del successo che ha avuto in Austria.”

A concludere la conferenza stampa è stato l’intervento di Samer Al Maani, che ha partecipato al processo di realizzazione della videoguida in qualità di traduttore. “Quando mi parlarono di fare un video per aiutare i richiedenti asilo fui subito coinvolto dall’idea. Ho voluto partecipare perché ho vissuto anch’io da straniero in Italia. In passato avevo già cercato di aiutare le persone che scappavano dai conflitti e da situazioni difficili, ma non mi sono sentito utile come mi sono sentito nel tradurre questa videoguida. In molti mi chiedono: “Come ti sei integrato in Italia?”. La risposta è in una parola: comunicando. L’idea di Asyleasy è comunicazione, comprensione. “Comunicare” è diverso da “parlare”: si può comunicare anche quando si sta in silenzio o con lo sguardo. Asyleasy è la comprensione di questa necessità, un’occasione di comunicazione.”

Oggi pomeriggio e domani mattina, presso la Chiesa valdese in via Naumachia 20, si terrà l’incontro “Come scavalcare le frontiere? Strumenti di resistenza e di la lotta per i diritti dei migranti”, al quale parteciperanno diverse associazioni che operano in Italia in difesa dei diritti dei migranti per confrontarsi insieme sugli strumenti messi in campo per diffondere informazioni, promuovere mobilitazioni politiche e culturali e fornire consulenza legale.

Di seguito il programma:

Lunedi 21 marzo

15.00 – Presentazione e proiezione della videoguida AsylEasy
Intervento di Arci Nazionale

16.30 – Tavola 1: Mobilitazione Politica.
Introduce: Dario Pruiti – Presidente Arci Catania.
Interventi del Responsabile nazionale immigrazione RdB-USB e CSA Ex-Canapficio, con dibattito con il pubblico

18.30 – Tavola 2: Promozione Culturale.
Introduce: Circolo Arci Melqauides – Arci Catania
Interventi di ZaLab e Radio Ghetto, con dibattito con il pubblico

21.00 Cena senza frontiere (a cura di Ghezà Culture Migranti) e DJ set multiculturale

Martedi 22 marzo

10.00 – Tavola 3: Consulenza Legale
Introduce: Francesco Auricchiella, ALI Area Legal Immigrazione – Arci Catania
Interventi di Fulvio Paleologo – ASGI e Federica Toso – Asilo in Europa, con dibattito con il pubblico

12.00 – Tavola 4: Diffusione delle Informazioni
Introduce: Circolo Arci Amari di Caltagirone
Interventi di Davide Carnemolla – Welcome 2 Europe e Brenner/o border monitoring, con dibattito con il pubblico.

AsylEasy locandina Come scavalcare le frontiere

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.